Negli anni Sessanta, sul lungomare di Riccione nei pressi di viale Ceccarini, viene aperto il primo chiosco di piadine della Riviera. Da questa tradizione nasce l’Azienda artigianale Fresco Piada che produce, oggi come allora, la vera piadina riccionese, con sfoglia ultrasottile e con un diametro maggiore rispetto ad altre piadine.

Oggi Fresco Piada è dotata di due moderni laboratori, che permettono di produrre notevoli quantità, mantenendo inalterato il procedimento originale, che distingue il proprio prodotto per qualità, sapore e freschezza. Tutte le piadine, ottenute secondo le caratteristiche originali dell’antica ricetta, vengono precotte a mano sulle piastre una ad una, sono totalmente prive di conservanti e si mantengono nel banco frigo a temperatura da +2 a +6.

I vari tipi di piadine vengono prodotti con ingredienti genuini e naturali per soddisfare vari palati.

Pensando anche a coloro che seguono diete naturali e prive di grassi animali, Fresco Piada produce la piadina con olio extravergine di oliva totalmente priva di strutto.

Dalla lavorazione delle piadine, Fresco Piada ottiene anche i cascioni farciti, un altro tipico e gustoso prodotto della a romagnola.

PROCESSI PRODUTTIVI

Dalla macchina impastatrice (1), l’impasto passa alla fase di porzionatura (2), dove vengono realizzate le cosidette “palline”.

Queste, dopo un periodo di riposo in cella, vengono spianate (3) fino ad assumere la classica forma circolare e lo spessore tipico della piadina di Riccione.

È a questo punto che le piadine prendono vita, con la fase di cottura manuale (4), fatta ancora come un tempo, ad una ad una, sulla piastra rovente.

Le piadine vengono poi raffreddate (5), selezionate (6), caricate nella confezionatrice (7), inserite in pellicole in atmosfera protetta (8), per mantenere inalterate le caratteristiche di freschezza e genuinità del prodotto.

Infine la piadina, pronta e confezionata (9), viene imballata (10), immagazzinata in cella e distribuita.